home
English

Degustazione vini liguri winesurf

Cari pseudodegustatori di wine surf,mi chiamo Stefano Salvetti e mi occupo dei vini e dei vigneti dell’azienda agr. La pietra del focolare.Sono un semplice contadino,non mi faccio chiamare vigneron,mentre scrivo queste righe resta qualche traccia di grasso sul pc,probabilmente viene dal mio trattore che ho parcheggiato poco fa.

Nelle mie tasche non porto biglietti da visita,o sigarette( in quanto bruciano i terminali nervosi del cervello),porto soltanto la mia umiltà nella tasca destra e tanta speranza nella sinistra.

Il paraocchi dopo il diploma ais è chiuso in un cassetto insieme alla cravatta a righe,il libretto onav

stà nel cassetto a fianco.Ah dimenticavo tengo sempre con me un sacchetto di plastica biodegradabile,lo uso per metterci dentro le fette di prosciutto che voi ” Dei “ del vino spesso portate sugli occhi e dentro le narici.

Ho ricevuto una mail che mi rimandava al vostro sito web,non oso chiamarla rivista perché di certo non lo è,credo sia solo la vostra presunzione a farla apparire tale e comunque solo a confusi improvvisati seguaci che inseguono la famosa carota cantando il canto del somaro.

Uno di voi lo conosco abbastanza e credevo negli ultimi anni avesse messo da parte la sua arroganza  e fosse sceso dal piedistallo “ imparando”  prima di distribuire discorsi colmi di fesserie

e di false verità .Io sono fondamentalmente buono e non scriverò il suo nome,comunque ora vorrebbe lo si chiamasse Winerider ( un contadino  come me che non sa l’inglese potrebbe pensare che degusti solo vini che fanno ridere,oppure che gli scappa da ridere mentre degusta i vini),non è mai riuscito a finire il corso Master of Wine e questo per fortuna non è stato un caso.comunque per togliere l’acqua dal vino io chiamerei lui ed i suoi colleghi del sito WineJoker.

Ho letto la vostra filosofia e i metodi di degustazione ecc.ecc. tante belle parole che non riuscite a mettere in pratica.

Le mie parole sono riferite alla degustazione dei vini della liguria,anzi restringiamo il campo a

quelli della liguria di levante,questa è una materia che io conosco bene,molto meglio di voi che avete dimostrato di non capirci un cazzo.

Anche se ho le mani callose,la schiena dolorante che mi ricorda quante volte mi sono inchinato

alla terra e alla vite nel corso delle stagioni e degli anni passati a dar forma al panorama delle

mie colline,ho conservato la mia umiltà,soprattutto quando assaggio un vino ed anche quando assaggio l’acqua.

Credo che voi dovreste cominciare dall’acqua,poi i vini  difettosi quindi quelli buoni.

Non conoscete il vermentino  e il suo carattere di vitigno semiaromatico,non sapete come

siano variabili i suoi profumi in funzione del territorio dell’esposizione delle bagnature,dei cloni

usati,soprattutto i nuovi cloni che abbiamo a disposizione.

Non conoscete l’evoluzione del vino in bottiglia dopo 6 mesi,dopo 1 anno e dopo 2.

È chiaro che non la conoscete ,altrimenti non avreste scritto le cazzate dopo la degustazione di questi vini.

Vorrei sapere quanti vini avete assaggiato in ogni sessione!!!

Magari per far prima li avete assaggiati tutti insieme,95 vini tutti in una volta!!!

 

Potrei scrivere altre dieci pagine  come queste …ma credo che non ne valga la pena,

quindi finisco così….

 

Stefano Salvetti

    Lascia un commento

    La tua email non sarà pubblicata.
    * Campo obbligatorio

    Si parla di

    Ultimi articoli

    Ultimi commenti

    1. @ Vinitaly 2018

      Il motto "guido senza guida" in pratica è che dopo l'adesione al gruppo vignaioli indipendenti abbiamo [...]

      Stefano Salvetti

    2. @ Vinitaly 2018

      Ciao,ho scoperto da poco i vostri vini e sono entusiasta.BBUonissimi. Ma cosa vuol dire il [...]

      Giorgio

    3. @ Vinitaly 2018

      Ci vedremo a Verona,non vedo l'ora di assaggiare questo super vino . Mi hanno detto che è [...]

      mauro vernazza

    Immagini random

    • #
    • #
    • #
    • #
    • #
    • #

    Newsletter

    Link utili